GIOCHI D’ACQUA fai da te!

Compleanno in estate? Ecco tante idee per dei divertentissimi giochi d’acqua!

     giochi di presentazione
  • Passarsi un gavettone,dicendo il nome del bambino a cui lo si vuole passare.Ovviamente,bisogna stare sempre all’erta per evitare di ritrovarsi bagnati da capo a piedi  ^_^
  • I bambini formano un cerchio e uno si mette al centro con un gavettone in mano,poi grida il nome di un altro bambino presente nel cerchio,lancia in alto il gavettone corre al suo posto.Nel frattempo,il bambino precedentemente menzionato corre in mezzo al cerchio e cerca di prendere al volo il gavettone,cercando di bagnarsi il meno possibile.Poi chiama un altro bambino e si ricomincia.Almeno fino alla distruzione del gavettone.
giochi di velocità
  • Questa gara si può svolgere sia a squadre che singolarmente. Bisogna creare un semplice percorso ad ostacoli, da affrontare tenendo un bicchiere pieno d’acqua in mano e cercando di rovesciarne il meno possibile.Se è una gara a squadre,quando il primo ha finito il percorso deve correre indietro e passare il bicchiere al secondo della fila,e così via fino alla fine della fila.Al termine della gara si consegnano 2 premi,uno alla squadra o al singolo che ha terminato per primo/a il percorso,e l’altro a chi ha rovesciato meno acqua.
  • Si può anche creare una semplice staffetta,sempre con il bicchiere d’acqua in mano.
giochi di precisione
  • Bisogna prendere un hula-hoop o un salvagente,girarlo verso i bambini e dire loro di tirare dei gavettoni lì dentro.Vince chi fa più canestri.
  • Altro gioco a squadre,ciascuna delle quali ha 2 secchi e una spugna.Un secchio,pieno d’acqua,è accanto al primo della fila,che ha anche in mano la spugna,mentre l’altro è a circa 10 metri di distanza.Al via,i caposquadra (quelli con in mano la spugna) la bagnano nel secchio che hanno accanto e corrono verso il secchio vuoto,dove strizzano la spugna la spugna.Poi corrono indietro,passano la spugna al secondo della fila e si mettono per ultimi.Vince la squadra che, alla fine del tempo (3-4 minuti circa)ha il secchio (quello lontano) più pieno.
giochi dove ci si bagna parecchio
  • Battaglia con i gavettoni:un must.
  • guardie e ladri (bagnati):uguali alle normali regole,ma le guardie-opportunamente provviste di gavettoni- devono colpire i ladri (magari mettente qualche asciugamano asciutto nella prigione ^_^).P.S. : nel link trovate il post con le classiche regole di guardie e ladri!

Come mantenere l’agenda giorno dopo giorno

Tutti iniziano la nuova agenda, a settembre o a gennaio,animati dalle migliori intenzioni.Tuttavia,dopo un po’,il 90% della gente abbandona la propria agenda.Capita anche a voi?Allora vediamo come rimediare.

Capiamo perchè abbiamo abbandonato l’agenda

I motivi più comuni sono:

  • abbiamo cominciato con pagine super decorate,ma poi ci siamo stufati di “perdere tempo”per decorare tutto.
  • riteniamo di non avere abbastanza tempo per mantenere un’agenda.
Semplifichiamo il nostro metodo di pianificazione

Mi raccomando:semplice da portare avanti non deve essere necessariamente antiestetico.

CONSIGLI PER SEMPLIFICARE
  • non usare troppi colori o keys complicate come geroglifici
  • se proprio vi piacciono le keys complicate potete aggiungere al bujo un segnalibro fisso così e legarci in fondo un foglietto con le keys e il color code
  • se usi solo una penna attaccata al bullet con un pen loop, ancora meglio.
  • puoi fare in modo grazioso le pagine di collection,che vedrai e userai per molto tempo,e fai più veloci e meno decorate le pagine todo giornaliere
  • per rendere graziosa la pagina,basta fare un titolo elegante e/o glitteroso *_*
Cerchiamo di capire se il problema sta nel supporto che usiamo

Magari il problema è un’altro:se non fa per noi il metodo del bujo,compriamo una normalissima agenda.

Eliminiamo il concetto “o decoratissimo o morte”

Qui il concetto è spiegato molto meglio da quasiorganizzata.E infine:

Goditi il tempo con la tua agenda.Bella o brutta che sia.

Smile

Se siete in cerca di una graphic novel originale e simpatica,Smile è il libro perfetto per voi.

Immagine correlata

Raina inizia le medie,ma una sera inciampa,cade e si rompe gli incisivi. Comincia così una lunga serie di sedute da dentista,endodontista,igienista e chi più ne ha più ne metta,apparecchi di ogni tipo e operazioni varie.La vita però continua: dall’ inizio della prima media alle superiori,Raina incontra nuovi amici,scopre i suoi talenti e torna a sorridere (con e senza apparecchio!).Il libro ha anche una continuazione,Sorelle.Quando lo leggerò,ve lo farò sapere!

(foto da Amazon)

Idea regalo estiva:segnalibri con stecchi del gelato

D’estate si legge di più,no?Allora ecco lo spunto perfetto per un regalino estivo:un segnalibro con lo stecco del gelato (magari lavatelo dopo averlo leccato mentre mangiavate il gelato ^_^).Lo potete anche pitturare del vostro colore preferito!Non allego ulteriori istruzioni,le immagini sono già abbastanza intuitive!

Risultati immagini per popsicle bookmarks etsy Immagine da Etsy

Risultati immagini per popsicle bookmarks etsy Foto da pinterest

Immagine correlata Foto da youtube

Mangia quella rana!

Calma,non sono (ancora) impazzita. Mangia quella rana è il nome di un semplice metodo di produttività,inventato da Brian Tracy.

COME FUNZIONA IL METODO MANGIA QUELLA RANA

‘Sta rana rappresenta la cosa più noiosa/lunga/scocciante che dobbiamo fare.Ma che ovviamente non abbiamo voglia di fare.Per cui prendi carta e penna o, perchè no,il tuo bujo,e:

  • scrivi le azioni che servono per raggiungere il tuo obiettivo
  • riordina il tutto in ordine di importanza
  • usa il principio ABCDE: A è una cosa da fare assolutamente;B è una cosa importante da fare ma non fondamentale;C è una cosa che,se non viene terminata,non porta conseguenze;D la puoi anche delegare o rimandare;E eliminala e ci metti meno.
  • La rana (A) è la prima da fare
  • Non fare mai una B se c’è una A ancora da fare e così via
  • se hai diverse rane fai sempre la più impegnativa,così il resto della giornata andrà in discesa

Mi raccomando:mangiate quella rana,sì,ma non viva,possibilmente ^_^

La tecnica del pomodoro

Nuova tecnica di produttività facile facile.Da leggere tutta d’un fiato.

Che cos’è la tecnica del pomodoro

Un metodo di produttività inventato dall’ italiano Francesco Cirillo

Come funziona

Metti un timer puntato per 25 minuti e concentrati SOLO su ciò che stai facendo.Dopo prenditi 5 minuti di pausa.Per i progetti lunghi,prova a fare delle stime su quanti pomodori (25 min di lavoro +5 di pausa) ti serviranno per finire quella cosa.Però prendi una pausa lunga dopo 4-5 pomodori!

Numero 8 del diario fai da te

Eccoci qui!Oggi creeremo un nostro color code,che aggiungeremo alla legenda delle keys create nello scorso post.

Che cos’è il color code

Non è altro che la legenda di colori usata per definire la tipologia di un impegno.

Come crearlo

Ti basta fare dei quadretti,ognuno riempito con un colore diverso.Ecco qualche esempio:

Risultati immagini per color code bullet journal

Foto da pinterest

Foto da Appunti di consapevolezza

Facile,no?

Nelle prossime 4 puntate vi darò tante idee per le collection da inserire. Bye bye!

Numero 7 diario fai da te ^_^

Buongiorno ragazzi!Oggi vi parlerò di come creare le nostre chiavi.

Le chiavi si devono adattare alle vostre esigenze,ecco come:

  • Vi servirà un punto o un trattino “-“per indicare le cose da fare
  • il – diventerà una X o un segno di spunta per indicare le cose fatte
  • una sbarra “/” sul quadratino indica un compito iniziato
  • il simbolo “>” indica che l’ impegno è stato posticipato

A cui aggiungere,a piacimento:

  • un cuore,che indica qualcosa che ci piace
  • un asterisco *, ad indicare le priorità
  • un punto esclamativo,che indica le note importanti
  • un occhio,che indica la necessità di approfondire.

Nella prossima puntata parleremo del color code…stay tuden!

L’occhio del corvo

Con questo post inizia la categoria Club del libro,dove racconterò la trama di alcuni dei libri che ho letto.Cominciamo!

Siamo a Londra,nella seconda metà dell’Ottocento.In una notte primaverile,una donna viene uccisa in un vicolo.Chi era la vittima?E soprattutto,chi era l’assassino?La polizia archivia il crimine in pochi giorni, ma un tredicenne legge dell’ omicidio sul giornale e sente il bisogno di saperne di più.Il suo nome è Sherlock Holmes.Figlio di un intellettuale ebreo e di una nobildonna inglese ripudiata dalla famiglia,Sherlock è dotato di una straordinaria capacità di osservazione e di un intuito formidabile,capacità che lo coinvolgeranno in questa rocambolesca indagine per scagionare un giovane macellaio arabo accusato ingiustamente.I personaggi sono descritti in modo preciso e dettagliato:Irene è una ragazza coraggiosa, anticonformista, fiduciosa e decisa, che non si arrende nemmeno quando la sua vita è in pericolo. Malefactor, prima antagonista, poi alleato, è duro e protettivo con la sua banda, gli Irregolari, ma dolce e quasi geloso con Irene.Tra prove,sospetti e indizi,sparsi per questo giallo ci sono tutti gli elementi che spiegano come mai Sherlock Holmes sia uno dei detective letterari più apprezzati di tutti i tempi.

Complimenti Il mio spazio creativo! Hai 30 post e non li dimostri neanche un po’!

Come avrete intuito dal titolo,questo è un post speciale :IL TRENTESIMO DI QUESTO BLOG!!!*_*

Faremo una cosa un po’ speciale:scrivetemi nei commenti un post che vorreste che facessi. Sorteggerò il commento vincitore in ordine di pubblicazione.

Presto,avete due settimane di tempo!